Il Marinaio Sinbad

Molto tempo fa a Bagdad viveva un uomo. Sinbad il Facchino, lavorava sodo ogni giorno per i suoi soldi e tuttavia non ne aveva molti. Un giorno, Sinbad fece una pausa e si fermò a casa di un ricco mercante. Sinbad sentì gli odori più deliziosi provenire dalla casa e ascoltò la musica più bella. “È così ingiusto che alcune persone possano godersi le cose più belle della vita senza lavorare duramente, mentre io lavoro sodo ogni giorno e non posso ancora godermele!”, si lamentò Sinbad.

In quel momento un ragazzo uscì dalla casa e si avvicinò a Sinbad. Prese il facchino per mano e lo condusse in casa. Sinbad rimase ipnotizzato dalla bellezza della casa. “Questa deve essere la casa di un re o di un sultano”, pensò tra se stesso. In una grande sala, Sinbad vide un uomo imponente con una grande barba grigia. L’ospite gli indicò una sedia e gli chiese il suo nome. “Mi chiamo Sinbad il facchino”, rispose Sinbad. “Che coincidenza! Anch’io mi chiamo Sinbad. Sinbad il Marinaio”, disse il padrone di casa.

” Vi ho sentito lamentarvi di quanto il mondo sia ingiusto”, continuò Sinbad il marinaio. “Ma lascia che ti dica, amico mio, che anche per me questa ricchezza non è stata facile. Prima di venire a vivere qui, ho fatto sette viaggi. Uno più sorprendente dell’altro. Ti racconterò la storia del mio primo viaggio”. E Sinbad il marinaio fece così. E Sinbad il facchino si mise ad ascoltare meravigliato l’incredibile avventura.

Dopo il racconto, Sinbad il marinaio invitò il suo omonimo a rimanere a cena. Dopo cena regalò al facchino una grande quantità d’oro. Poi lo invitò a passare il giorno successivo per ascoltare la storia del secondo viaggio.

Il giorno dopo, Sinbad il facchino fu accolto calorosamente nella casa di Sinbad il marinaio. Ricevette il cibo e le bevande più deliziose e ascoltò la storia del secondo viaggio. Alla partenza, il facchino ricevette di nuovo una grande quantità di oro. Non poteva credere alla sua fortuna!

Il settimo giorno, Sinbad il Marinaio raccontò la storia più incredibile che Sinbad il Facchino avesse mai sentito. Ora capiva che il marinaio aveva sopportato molto per essere dov’era ora. “Mi scuso per aver pensato che la tua vita fosse sempre stata facile”, disse al suo gentile ospite. Anche in questo caso, Sinbad il facchino ricevette una grande quantità di oro al momento della partenza. Ora, anche il facchino non doveva più lavorare duramente.

E così gli amici Sinbad il Marinaio e Sinbad il Facchino vissero per sempre felici e contenti.

image_pdfDownloadimage_printPrint