La grande salsiccia

Molto tempo fa a Königsberg c’era una grande carestia. Al mattino i bambini ricevevano dalla madre un pezzetto di pane e un sorso di latte. E anche se erano molto affamati, non ricevevano altro cibo prima di cena. Alla madre faceva male vedere i suoi figli in quelle condizioni, ma non c’era più cibo.

Ratti e topi, gatti e cani erano già stati mangiati e non c’era speranza per giorni migliori. A peggiorare le cose, aveva piovuto tutta l’estate e quindi non c’era stato alcun raccolto nei campi. Non c’erano bambini che esultavano, non c’erano bambini che giocavano felici, non si vedevano volti felici. Tutti erano tristi. Tutti i negozi erano chiusi e le strade, un tempo trafficate, erano deserte. Era tutto cupo e triste.

In questi tempi difficili, le persone più anziane e più sagge della città si riunirono per discutere. La carestia doveva finire. Ogni partecipante aveva un suggerimento, ma nulla sembrava abbastanza valido. Passò un mese senza che si trovasse una soluzione, e allora il più saggio di tutti si alzò e disse: “A causa di tutta la miseria la gente è venuta avvilita. È nostro dovere rallegrarle. Far loro dimenticare i tempi duri”.

Gli altri partecipanti furono d’accordo e si decise che con le ultime monete del tesoro della città si sarebbe fatta una grande salsiccia. E ogni cittadino ne avrebbe ricevuto un pezzo.

Ebbene, Königsberg è proprio vicino al mare, così due persone andarono su una barca a prendere maiali, pepe, sale e altre spezie, perché vicino alla città non si trovava nulla. Dopo qualche settimana tornarono con navi piene di cibo. Tutti i macellai della città dovettero recarsi al municipio e ricevettero l’ordine di preparare una grande salsiccia.

I macellai lo fecero con piacere! Nel giro di un mese avevano fatto una salsiccia che nessuno aveva mai visto prima. Davanti alla porta della città fu allestito un grande terreno di festa. Grandi pali con fiori e bandiere colorate conferivano un’atmosfera festosa. E c’era un enorme tavolo su cui avrebbero messo la salsiccia.

E questo è stato un lavoro incredibile! Una lunga fila di due persone affiancate portava la salsiccia su grandi bastoni fino al tavolo. Davanti c’erano i musicisti del paese, con tamburo, tromba e flauto, poi il sindaco e i membri del consiglio. E per concludere, la gente della città che applaudiva.

Una volta arrivati al terreno, la salsiccia è stata messa a terra e i musicisti hanno suonato una musica allegra. Poi il sindaco ha tenuto un discorso e i bambini della scuola hanno cantato alcune canzoni. Poi hanno iniziato a dividere la salsiccia. Avreste dovuto vedere le facce felici dei bambini!

Perché quando non si mangia bene da molto tempo, è sempre una gioia poter mangiare quanto si vuole. Soprattutto per i bambini. Dopo che tutti avevano finito di mangiare, era rimasta molta salsiccia. A tutti è stato permesso di portare a casa quanta più salsiccia possibile.

Ci vollero due giorni e due notti intere per tagliare e dividere la salsiccia. Una volta terminato, i cittadini avevano di nuovo speranza per il futuro. I bambini ridevano e tornavano a essere felici. L’anno successivo il raccolto ebbe successo e la carestia finì. In tutto il mondo si racconta ai bambini la storia della grande salsiccia di Königsberg. E chiunque la ascolti inizia ad avere l’acquolina in bocca.

image_pdfDownloadimage_printPrint