Il Padre Gelo

C’erano una volta un marito e una moglie che avevano una bella figlia. Il suo nome era Natasha. Appena dopo la morte della madre di Natasha, il padre si risposò. La sua nuova matrigna aveva già due figlie. Natasha fu felice di avere non solo una nuova madre, ma anche due sorelle.

Purtroppo, Natasha scoprì presto che la matrigna e le sue figlie non erano affatto gentili. Lasciavano a lei tutto il lavoro duro e non facevano nulla a loro volta. Il padre di Natasha se ne accorse, ma non poteva opporsi alla volontà della sua nuova moglie. Natasha era infelice, ma non lo dava a vedere. Cercava sempre di rendere tutti felici.

In una giornata gelida e fredda, con metri di neve fuori e ghiaccioli che pendevano dal tetto, la matrigna disse al marito: “È ora di trovare un marito per Natasha. Domani uscirai con la slitta e la porterai con te”. Queste parole resero Natasha molto felice, perché non era felice a casa e avrebbe voluto sposare un uomo gentile.

Il mattino seguente Natascia indossò i suoi abiti più belli e scese. Portò con sé una borsetta con i suoi oggetti più preziosi. Era così bella e dolce! La matrigna e le sorelle erano gelose di lei, anche se avevano abiti e gioielli migliori. Allora la matrigna disse al marito: “Ascolta attentamente. Devi portare Natasha sulla grande collina della foresta. Lì devi lasciarla vicino alla grande pianta di pino. Il suo sposo andrà a prenderla lì. Voglio che sposi Padre Gelo”.

Questo piano malvagio spaventò molto il marito e Natasha! Ma partirono e dopo un po’ arrivarono al grande pino. Cominciò a nevicare sempre più forte mentre Natasha si sedeva sotto l’albero. Il padre si accomiatò piangendo e tornò a casa.

Natasha aveva sempre più freddo mentre si sedeva da sola nella distesa foresta invernale. All’improvviso sentì un rumore, sempre più vicino. Sembrava che qualcuno stesse saltando da un albero all’altro. Era il Gelo che si stava avvicinando…

Rapidamente Natasha sentì lo stesso suono, ora proprio sopra di lei, dalla cima del pino. Immediatamente divenne ancora più freddo. Poi una voce parlò: “Dolce ragazza, sei abbastanza calda?” Natasha riusciva a malapena a parlare per il freddo, ma sussurrò: “Sì, Padre Gelo”. Il Gelo si spostò lungo l’albero e ripeté la domanda alla ragazza. E di nuovo la ragazza rispose gentilmente.

Allora il Gelo saltò fuori dall’albero e atterrò a terra davanti a Natasha. Era bellissimo da vedere, aveva un bellissimo mantello pieno di fiocchi di neve e uno scettro fatto di ghiaccio. Guardò la ragazza quasi congelata e la toccò delicatamente con lo scettro. Immediatamente Natasha si riscaldò. I suoi vestiti si trasformarono negli abiti più belli che avesse mai visto. E la borsetta con i suoi effetti personali si trasformò nelle gemme più brillanti. Il Gelo guardò Natasha con soddisfazione e poi scomparve.

Il padre di Natasha non poteva credere ai suoi occhi. Quando la mattina dopo vide sua figlia seduta al sicuro sotto il pino. Anche le gemme brillanti e i bei vestiti furono una bella sorpresa. Portò la figlia a casa e pensò che la moglie si sarebbe pentita della sua decisione. Invece, lei si ingelosì ancora di più! Decise di mandare anche le sue figlie al pino.

Ma le sue figlie non erano così dolci e simpatiche come Natasha. Quando Padre Gelo andò a controllarle, si dimostrarono cattive e meschine. Così non le premiò con gemme e vestiti, ma le lasciò lì a congelare. Quando la madre lo scoprì il giorno dopo, fu sopraffatta dal dolore, ma dopo un po’ di tempo capì che quella era la propria lezione per essere stata crudele e avida.

Da allora la vita di Natasha migliorò molto. Incontrò un uomo gentile, che avrebbe sposato. E vissero per sempre felici e contenti.

image_pdfDownloadimage_printPrint