L’Olandese Volante

La tempesta si abbatteva sul porto. Le onde alte si stavano infrangendo sull’unica nave ormeggiata al molo. L’intero equipaggio era sceso sottocoperta per cercare di mettersi al sicuro. Sul ponte c’era solo il robusto e grosso capitano. Era arrabbiato, molto arrabbiato. Aveva già dovuto rimandare la partenza di un paio di giorni e ora una tempesta gli avrebbe impedito di lasciare di nuovo il porto? Non lo pensava proprio! Aveva solcato i mari in condizioni ben peggiori.

Il capitano si rivolse al suo equipaggio e disse: “Domani si salpa, con o senza pioggia!”. Anche se l’equipaggio si fidava del suo capitano, questo suonava pericoloso per loro. Ma nessuno osò parlare. Solo il nostromo si schiarì la gola e disse: “Ehm, capitano? Domani è Pasqua e non possiamo partire?”. Il capitano esitò un attimo, ma poi colpì il tavolo con un pugno e urlò: “Decido io quando partire! Nessuna tempesta o giorno di Pasqua lo deciderà per me! Assicuratevi che tutto sia pronto per la partenza domani mattina presto”. E si ritirò nella sua cabina imprecando.

La mattina dopo la tempesta infuriava ancora di più, ma il capitano era deciso a salpare. Il suo equipaggio aveva dei dubbi, ma si fidava anche del suo capitano. Prepararono le vele e tirarono l’ancora. Un altro capitano si avvicinò per chiedere se erano davvero così pazzi da partire durante la tempesta e nel giorno di Pasqua. Il capitano rispose: “Decido io quando partire e noi partiamo adesso! Anche se dovessimo navigare fino all’eternità, partiamo!”. E con ciò fu detta l’ultima parola.

Non appena l’ultimo ordine del capitano fu eseguito, accadde qualcosa di strano. Tutti i marinai rimasero ammutoliti e rimasero in silenzio. Anche il nostromo e il capitano rimasero al loro posto. Ma anche se nessuno si muoveva, la nave iniziò a muoversi e si allontanò dal porto. La gente del porto rimase sbalordita mentre guardava la nave allontanarsi. Le ultime parole del capitano furono ripetute dalla folla. “Anche se dovessimo navigare fino all’eternità, ce ne andremo!”. C’era qualcosa di sinistro in queste parole e tutti rimasero a guardare nervosamente la nave che diventava sempre più piccola all’orizzonte. All’improvviso le vele bianche divennero rosso fuoco e la carena sembrava bruciata. “La nave si è trasformata in una nave fantasma”, sussurrarono le persone mentre tornavano a casa.

Per molto, molto tempo non si seppe più nulla della nave fantasma. Non attraccò in nessun porto e non fece ritorno a casa. Così la gente pensò che fosse naufragata, ma non fu mai trovato alcun relitto. La nave fantasma fu dimenticata finché non accadde qualcosa di strano. Una nave che stava tornando in Olanda vide una nave con vele rosso fuoco e una carena bruciata al Capo di Buona Speranza. La nave non si muoveva, ma navigava comunque a grande velocità. Quando l’equipaggio dell’altra nave iniziò a raccontare questa storia nel suo Paese, nessuno gli credette.

Ma nei mesi successivi arrivarono sempre più notizie su questa nave straordinaria. I capitani avevano paura di navigare vicino al Capo di Buona Speranza e l’equipaggio era difficile da trovare. Finché un capitano coraggioso non andò a esplorare la situazione. Ed effettivamente, al Capo di Buona Speranza vide la nave fantasma. Non poteva credere ai suoi occhi e cercò di convincersi che si trattava solo di una leggenda. Poi la nave fantasma iniziò a navigare dritta verso di lui! L’equipaggio iniziò a piangere dalla disperazione, ma era troppo tardi. La nave fantasma navigava proprio attraverso di loro. Ma l’equipaggio notò solo una folata di vento gelido.

Il coraggioso capitano era sbalordito. “La nave era olandese. Aveva una bandiera olandese”, fu l’unica cosa che riuscì a sussurrare. “Sì, l’Olandese Volante”, disse qualcun altro. E da quel momento la nave fantasma fu conosciuta come l’Olandese Volante. Nessuno sa se l’Olandese Volante abbia trovato pace. La nave non è stata avvistata per molti anni, quindi potrebbe anche essere possibile. Speriamo almeno che sia così per l’equipaggio, perché non c’è niente di così terribile come navigare per i mari per sempre e non riuscire mai ad attraccare.

image_pdfDownloadimage_printPrint