I musicisti della città di Brema

C’era una volta un vecchio asino che era stanco di lavorare ogni giorno per un mugnaio. Per quanto l’asino lavorasse duramente, il mugnaio non pensava mai che fosse abbastanza. Così l’asino scappò via. Aveva pensato che, con il suo grande raglio, avrebbe potuto guadagnare un sacco di soldi come musicista di città. Fece i bagagli e partì per Brema.

Lungo la strada, l’asino incontrò un vecchio cane. Il cane disse all’asino che doveva fuggire dal suo vecchio padrone. Il padrone aveva deciso di mettere il cane in un rifugio perché era troppo vecchio per prendersene cura.

Vieni con me a Brema”, disse l’asino al cane. Potrai abbaiare alle stelle del cielo”. Con il mio bell’abbaiare faremo dei bei soldi lì. Inoltre, se si va in due, è più divertente vivere un’avventura”.

Il cane decise di andare con l’asino a Brema per fare musica.

Non molto tempo dopo, l’asino e il cane si imbatterono in un vecchio gatto. Il gatto non era più felice nella casa del suo vecchio padrone. Vuole solo che catturi i topi per lei”, disse il gatto, “ma ultimamente non ho avuto molto successo. Sto invecchiando di giorno in giorno”. Al gatto piaceva l’idea di un’avventura musicale a Brema. Le sue corde vocali erano a posto, così l’asino e il cane decisero che il gatto poteva venire con loro a fare musica.

Poco dopo, un vecchio gallo incrociò il loro cammino. Il gallo divenne troppo fastidioso per il suo vecchio ambiente e minacciò che gli sarebbe successo qualcosa di terribile se fosse rimasto lì. Il suo chiocciare faceva impazzire le persone e volevano che stesse zitto. Decise di fuggire da tutto questo e da allora vaga da solo. Entrare a far parte dei Musicanti della città di Brema era musica per le sue orecchie. Fortunatamente, anche l’asino, il cane e il gatto la pensavano così e il gallo si unì come quarto musicista.

I quattro animali erano stati in viaggio tutto il giorno e si stava facendo notte. La strada per Brema sembrava più lunga di quanto pensassero. Lì videro una luce che brillava in lontananza. Forse lì c’è una casa”, disse l’asino. Forse lì possiamo mangiare qualcosa e dormire in cambio di un po’ di musica allegra”, disse speranzoso il cane. E così si avviarono verso la casa. Guardarono attraverso la finestra e videro con orrore che erano dei ladri.

L’asino escogitò un piano. “Spaventiamo a morte quei furfanti”, disse coraggiosamente. Probabilmente sono in fuga. Mettiamoci tutti l’uno sull’altro e cantiamo a squarciagola. Probabilmente se ne andranno presto”. Non appena detto e fatto. I ladri furono spaventati dal rumore assordante e si precipitarono fuori dalla casa. L’asino, il cane, il gatto e il gallo si godettero il pasto e si resero conto di essere stanchi per il viaggio. Trovarono tutti un bel posto in casa per dormire.

Più avanti, i ladri pensavano a ciò che era successo loro. Videro in lontananza che la luce del casolare era spenta. Il capo dei rapinatori decise di dare un’occhiata.

Una volta entrato in casa, guardò dritto negli occhi del gatto. Dovete sapere che gli occhi di un gatto si illuminano al buio. Il gatto saltò in piedi e graffiò il ladro in faccia. Il gatto non capì cosa l’avesse colpito e si mise a correre. Mentre si dirigeva verso la porta, il cane lo morse allo stinco e l’asino lo prese a calci. In giardino, il gallo gracchiava così forte che il ladro scappò. Il capo disse ai ladri che la casa era infestata. Non ci sarebbero mai più tornati.

Ai musicisti della città di Brema piacque molto vivere nella casa e decisero che non avevano più bisogno di recarsi a Brema. Amavano questo posto e decisero di rimanervi. E lì vissero felici e contenti per molti anni a venire.

image_pdfDownloadimage_printPrint