I fiori della piccola Ida

La piccola Ida amava il suo cugino maggiore. Le raccontava sempre le storie più belle. Un giorno, la piccola Ida andò da suo cugino. I miei poveri fiori sono tutti appassiti. Ieri erano bellissimi e ora tutti i petali cadono”, disse tristemente, mostrandole il bouquet. La cugina sorrise e disse: ” Cara Ida, lo sai perché: la scorsa notte i tuoi fiori sono andati a ballare. Ecco perché ora sono stanchi e cadono”.

Ida pensò un attimo e disse: “Ma i fiori non possono ballare, vero?” “Certo che sì”, disse la cugina. Quando andiamo a dormire, i fiori prendono vita. Quasi ogni sera fanno un ballo. Saltano e ballano tutta la sera. Giacinti, margherite, mughetti, tulipani, tutti i fiori possono partecipare”. Dove ballano i fiori più belli?” “Nel palazzo estivo del re. Quando il re torna in città in autunno, i fiori vanno nel castello. Ecco perché in quel periodo non si vedono fiori nei giardini”.

Posso vedere anche i fiori che ballano?” “Certo”, rispose la cugina. Quando arrivi al castello, guarda dalla finestra”. Ida avrebbe voluto vederlo. In quel momento il noioso vicino di casa si avvicinò a Ida e a sua cugina. Non gli piacevano affatto le storie che la cugina stava raccontando a Ida. Cosa stai raccontando a quella bambina? È tutta una stupida montatura”.

Ma Ida non pensava che fosse una stupida montatura e pensò alla storia dei fiori per tutto il giorno. Mise il mazzo di fiori appassiti nel letto della sua amata bambola Sofie. Forse così potevano stare meglio. Una notte Sofie dovette dormire nel cassetto della scrivania. Quando la piccola Ida andò a letto, sussurrò ai fiori della madre in salotto: “So che stasera andrete a un ballo”, ma i fiori non risposero.

Ida si svegliò nel cuore della notte. Aveva sognato di sua cugina e dei fiori. Poi, molto dolcemente, sentì una musica in lontananza. La piccola Ida sgattaiolò fuori dal letto il più silenziosamente possibile. Non voleva svegliare la mamma e il papà. In punta di piedi, Ida andò in salotto. Quello che vide non poteva immaginarlo. Tutti i fiori di sua madre erano usciti dai loro vasi e stavano ballando. Un grande giglio era seduto dietro il pianoforte e suonava le melodie più allegre. Anche i fiori di Ida si unirono con entusiasmo. Non sembravano più malati o stanchi.

Non solo i fiori ballavano. La piccola Ida vide l’ombrellino saltare per tutta la stanza. Una statuetta di pietra aprì il cassetto della scrivania e ne uscì la bambola Sofie. La bambola Sofie danzò con i fiori di Ida. Grazie per averci prestato il tuo letto”, dissero. Potete continuare a dormire lì se volete”, disse Sofie. Oh no, non vivremo così a lungo”, risposero i fiori. Domani saremo morti. Dite a Ida di seppellirci in un bel posto in giardino. Poi risorgeremo in estate. E saremo ancora più belli di adesso”.

Il giorno dopo, la piccola Ida entrò nel salotto. Della palla non era rimasto nulla. Tirò fuori Sofie dal cassetto della scrivania, ma la bambola non disse nulla. So cosa dovevi dirmi sui fiori”, le disse la piccola Ida. Non è carino da parte tua non dire nulla, quando hanno ballato così bene con te”. Ma la piccola Ida sapeva cosa doveva fare. Prese il bouquet appassito dal letto della bambola e, insieme alla cugina, cercò il posto migliore nel giardino, in modo che i fiori potessero rinascere la prossima estate.

image_pdfDownloadimage_printPrint