Barba blu

C’era una volta un uomo molto, molto ricco. Aveva molti palazzi, bei mobili, carrozze dorate e tanto argento e oro. Ma quest’uomo aveva anche una barba blu. Questo lo rendeva così brutto che la maggior parte delle donne se ne andava appena lo vedeva.

Barbablù desiderava ardentemente sposare una delle sue due vicine. Non gli importava quale. Ma entrambe le ragazze non erano interessate. Non solo trovavano la barba blu ripugnante, ma Barbablù era già stato sposato in passato e quelle ragazze erano misteriosamente scomparse. Questo aveva pietrificato i vicini.

Tuttavia Barbablù non si arrese. Invitò i vicini a soggiornare una settimana in una delle sue ville più belle. Potevano portare la madre e alcuni amici. Decisero di accettare l’offerta. Per tutta la settimana si divertirono molto insieme. Giocarono a divertenti giochi da tavolo, andarono a nuotare e mangiarono i cibi più deliziosi. Si divertirono così tanto che alla vicina più giovane iniziò a piacere Barbablù e accettò di sposarlo.

Dopo il matrimonio, Barbablù e la sua nuova moglie vissero felici in una delle sue belle case. Poi un giorno Barbablù annunciò: “Devo viaggiare per sei settimane per affari importanti. Invita qualche amica a casa tua e divertiti!”. Poi le diede le chiavi di tutte le stanze e dei tesori della casa. “Ascolta attentamente”, disse. “Puoi entrare in tutte le stanze e aprire tutte le tesorerie, tranne quella di sotto, in fondo al grande salone. Questa piccola chiave è la chiave di quella stanza. Qualsiasi cosa tu faccia, non entrare in quella stanza”. Naturalmente la moglie gli promise di ascoltarlo e dopo un ultimo saluto se ne andò.

Subito dopo la partenza, tutti i vicini e gli amici vennero a guardare la sua bella casa. Dissero alla moglie che doveva essere così felice di vivere in un posto così bello e con tutte quelle cose belle. Ma la moglie di Barbablù voleva solo una cosa: andare a guardare nella stanza proibita. Sapeva che il marito non glielo permetteva, ma non poteva resistere.

Non appena aprì la porta della stanza, ebbe lo spavento della sua vita. Nella stanza giacevano i corpi delle precedenti mogli di Barbablù. Le aveva uccise tutte. La ragazza voleva andarsene in fretta. Raccolse la chiave che le era caduta, chiuse la porta e corse in camera sua. Nella sua stanza notò del sangue sulla piccola chiave e cercò di strofinarlo via. Ma per quanto si sforzasse, il sangue non si staccava dalla chiave incantata.

Il mattino seguente Barbablù tornò dai suoi viaggi. Disse che aveva sentito che gli affari andavano bene e che quindi non doveva più andare là. Chiese le chiavi alla moglie. Con le mani tremanti, lei restituì tutte le chiavi. Lui capì subito cosa aveva fatto e si infuriò. “Se vuoi stare così tanto in quella stanza, farò in modo che tu non la lasci mai!”, le urlò.


Barbablù prese una spada enorme e voleva uccidere la moglie, quando all’improvviso si sentì bussare alla porta. Barbablù si spaventò e si bloccò: due uomini entrarono di corsa nella stanza. Erano i fratelli di sua moglie, che per coincidenza sarebbero venuti a trovarla oggi. Barbablù cercò di scappare, ma fu sorpreso dai fratelli e ucciso.


La moglie di Barbablù ottenne tutti i suoi soldi e i suoi palazzi. Si assicurò che la sorella e i due fratelli avessero tutto ciò che desideravano. Poco tempo dopo, sposò un uomo gentile. Lui le fece dimenticare tutte le cose brutte che aveva passato come la moglie di Barbablù.

image_pdfDownloadimage_printPrint